Linee Guida e Criteri di Valutazione per i Premi

 Linee Guida e

Criteri di Valutazione per i Premi

Stagione 2020-'21

 

Segreteria e Protocollo

La Segreteria del Centro Studi provvede ai lavori preparatori necessari per rendere anonime le opere pervenute e facilitare il lavoro di valutazione da parte della Giuria.

Ogni opera (o progetto) viene identificata con un numero di protocollo, preceduto da una lettera, corrispondente alla sezione di appartenenza.

Per praticità nell’espletamento della procedura di protocollazione (quindi senza alcun significato riferibile alla valutazione), la numerazione progressiva nell’ambito della stessa sezione, può essere discontinua, con intervalli.

 

Composizione delle Giurie

Per ogni premio, il Centro Studi Cultura e Società costituisce una apposita giuria, formata da esperti (professionisti o scrittori; insegnanti; giornalisti)

I nominativi dei componenti sono resi noti in sede di cerimonia di premiazione.

 

Documentazione per la Giuria

Ogni componente di Giuria riceve la seguente documentazione:

·     Linee Guida e Criteri di Valutazione per i Premi

·     Scheda di votazione, costituita da file excel (unico per tutte le sezioni)

·     File con le opere pervenute (oppure cartelle di documenti per i progetti) su supporto informatico, protocollate e suddivise per Sezione. Le opere pervenute su supporto cartaceo (se è previsto) vengono scannerizzate ed inserite con le altre.

 

Valutazione da parte della Giuria.

La valutazione delle opere in concorso viene effettuata in forma anonima, fatta eccezione per libri editi e tesi di laurea (quando previste apposite sezioni) e progetti.

I componenti di Giuria valutano individualmente tutte le opere assegnate ed attribuiscono punteggio da 1 a 10, sulla base dei seguenti fattori di valutazione:

·     Forma - Competenza linguistica e Correttezza formale (uso corretto della lingua)

·     Contenuto - Originalità del Contenuto e Attinenza al tema (quando previsto)

·     Comunicazione - Capacità di trasmettere emozioni ed Originalità espressiva

Successivamente, la segreteria predispone le graduatorie provvisorie, attribuendo ad ogni opera o progetto un punteggio espresso in decimi (con estensione alla prima cifra decimale) determinato dalla media dei voti espressi dai singoli componenti della Giuria (Somma voti singoli giurati diviso per il loro numero)

 

Collegialità della Giuria

La Giuria si riunisce collegialmente solo in caso di necessità al termine dei lavori.

E’ vincolata a rispettare la graduatoria provvisoria. E’ invece tenuta ad esprimersi e ad approfondire la valutazione per l’attribuzione del primo posto in caso di ex-aequo.

Ha inoltre facoltà di attribuire Menzioni della Giuria, qualora il livello qualitativo sia complessivamente molto elevato, ad opere che, pur avendo una valutazione eccellente, non sarebbero premiate.

In ogni caso, non ha poteri speciali, di inclusione o esclusione di opere, rispetto alla valutazione espressa ed alle graduatorie provvisorie.

La Giuria provvede alla redazione delle motivazioni critiche per le prime tre opere classificate di ogni sezione (e successive posizioni in graduatoria, se attribuite).

I lavori di ogni giuria trovano evidenza in appositi Verbali contenenti le graduatorie, redatti a garanzia di serietà e trasparenza. Il giudizio delle giurie è inappellabile, fatta salva la trasparenza degli esiti della valutazione.

 

Specificità per Versi d’Autore e Gare Letterarie

La valutazione delle opere partecipanti viene definito dal Regolamento specifico di ogni gara, in coerenza con i principi definiti dalle Linee Guida.

·     Versi d’Autore. Viene assegnato, con un peso paritario, sulla base del voto espresso da una Giuria di Qualità e da una Giuria Popolare (scelta tra il pubblico). Per tutte le votazioni, le Giurie hanno a disposizione tre voti (6=Sufficiente; 8=Buono; 10=Ottimo)

·     Disfida Poetica. La valutazione compete ai concorrenti, che devono esprimere su apposita Scheda tutte le preferenze indicate

·     Giochi Poetici. La valutazione viene effettuata sulla base del voto espresso in sala. Concorrono alla votazione, con un peso paritario, una Giuria Popolare scelta tra il pubblico e una Giuria Tecnica. Ogni gara si conclude con l’attribuzione di un punteggio, che concorre a formare la classifica generale. Il punteggio massimo attribuibile per ogni gara è di 100 punti, quello massimo che può essere attribuito per i Giochi Poetici è pertanto di 400 punti. Per tutte le votazioni, le Giurie hanno a disposizione tre voti (6=Sufficiente; 8=Buono; 10=Ottimo).

·     Borgo San Paolo Poetry Slam. Si applicano i criteri di Slam Italia. Il giudizio è riservato alla giuria popolare di 5 elementi scelti tra il pubblico. La giuria vota l’intervento poetico esprimendo voti da 0 a 10 (sono obbligatori i decimali). Il voto più alto e quello più basso vengono eliminati, e i tre restanti sommati vanno a costituire il punteggio della manche.

·     Palio dei Poeti. La Valutazione viene effettuata sulla base del voto espresso in sala. Concorrono alla votazione, con un peso paritario, una Giuria Popolare scelta tra il pubblico e una Giuria Tecnica. La valutazione avviene per coppia e non per singolo concorrente. La graduatoria finale è determinata dalla somma dei voti conseguiti in ogni sessione. La giuria vota l’intervento poetico di ogni coppia, esprimendo voti da 6 a 10 (obbligatori i decimali). Il voto più alto e quello più basso vengono eliminati, e i tre restanti sommati vanno a costituire il punteggio della manche.

 

Specificità per la valutazione dei Progetti

Ad ogni Progetto è attribuito un punteggio espresso in 30/30 così ripartiti:

·     15/30 in base della valutazione del Comitato Scientifico

·     2/30 in base dei criteri oggettivi relativi all’Ente (dal Modello di Candidatura)

·     8/30 in base dei criteri oggettivi relativi al Progetto (dal Modello di Candidatura)

·     3/30 in base di autovalutazione

·     2/30 in base della qualità della documentazione

L’attribuzione del punteggio relativo al Comitato Scientifico (12/30) è coerente con i criteri applicati per gli altri concorsi. L’attribuzione del restante punteggio (18/30 è disciplinato da specifici Criteri di Valutazione dei Progetti.

 

Criteri di qualità per l’attribuzione dei Premi

Tutti i premi previsti, per essere attribuiti devono soddisfare idonei criteri qualitativi:

·     Primo Premio: punteggio uguale o superiore agli 8/10

·     Secondo e Terzo Premio: punteggio uguale o superiore ai 7,5/10

·     Segnalazioni Merito (Segnalazioni di Buon Esempio per i Progetti) Premi Speciali: punteggio uguale o superiore ai 7/10.

·     Menzioni della Giuria: punteggio uguale o superiore ai 7/10.

La distinzione tra Segnalazione e Menzione si applica nei casi in cui, un numero elevato di opere consegua un punteggio uguale o superiore ai 7/10. I questi casi viene attribuita Segnalazione alle opere con valutazione più elevata e prossima a quella dei primi assoluti.

Nell’attribuzione dei primi premi (fino al terzo compreso) e di eventuali Premi Speciali non sono ammessi ex-aequo.

Qualora più opere di uno stesso concorrente siano valutate con punteggio idoneo ad essere premiate, il premio viene attribuito all’opera con il punteggio più elevato. Qualora più opere risultino nei primissimi posti in graduatoria, viene premiata quella che assicura il miglior piazzamento al concorrente, a prescindere dal punteggio.

 

Trasparenza esiti valutazione e valorizzazione opere premiate

Tutti i concorrenti sono invitati alla cerimonia di premiazione del Premio a cui hanno partecipato, a prescindere dall’esito della valutazione delle loro opere.

Per ogni Concorso è prevista la realizzazione di una apposita Antologia, che costituisce il Catalogo del Premio, con le graduatorie e la riproduzione di tutte le opere premiate (poesie; racconti; fotografie; ecc.) o la loro recensione (tesi; romanzi; sillogi; ecc.).

La versione E-Book è consultabile e scaricabile gratuitamente dal sito dopo la cerimonia di premiazione (http://culturaesocieta.gsvision.it/). Inoltre, per chi desidera la versione cartacea viene prodotta, in un limitato numero di copie, in occasione della premiazione al prezzo di composizione e stampa.

La proprietà artistica resta comunque degli Autori.

La dignità di stampa che viene attribuita alle opere partecipanti ad un concorso, va intesa come un servizio reso agli Autori, per la valorizzazione delle opere premiate e come un atto di trasparenza sugli esiti della valutazione.

In nessun caso vengono pubblicate opere partecipanti ad un concorso che non abbiano avuto una valutazione idonea per essere premiate, né resi pubblici i nominativi dei concorrenti non premiati.

 

Tutela della privacy

Il documento di Privacy Policy del Centro Studi Cultura e Società è disponibile sul sito dell’Associazione http://culturaesocieta.gsvision.it/ nella sezione L’Associazione.

Tale documento recepisce quanto disposto dal Nuovo Regolamento Generale Europeo sulla protezione dei dati GDPR (General Data Protection Regulation) Regolamento Ue 2016/679, recepito ed entrato in vigore venerdì 25 maggio 2018.

La partecipazione ad un concorso costituisce implicita autorizzazione al trattamento dei dati personali, in applicazione della normativa vigente. Il Centro Studi Cultura e Società si impegna ad utilizzare i dati richiesti, esclusivamente ai fini del concorso e della propria attività culturale, astenendosi da qualsiasi loro utilizzo a scopo di lucro.

Successivamente alla data in cui avviene la premiazione del concorso a cui ha partecipato, il concorrente può richiedere la cancellazione dei suoi dati dal data base. Sino a tale data, il Centro Studi Cultura e Società assicura, per trasparenza, le informazioni inerenti l’iter concorsuale a tutti i concorrenti.

 

Segreteria e Protocollo

La Segreteria del Centro Studi provvede ai lavori preparatori necessari per rendere anonime le opere pervenute e facilitare il lavoro di valutazione da parte della Giuria.

Ogni opera (o progetto) viene identificata con un numero di protocollo, preceduto da una lettera, corrispondente alla sezione di appartenenza.

Per praticità nell’espletamento della procedura di protocollazione (quindi senza alcun significato riferibile alla valutazione), la numerazione progressiva nell’ambito della stessa sezione, può essere discontinua, con intervalli.

 

Composizione delle Giurie

Per ogni premio, il Centro Studi Cultura e Società costituisce una apposita giuria, formata da esperti (professionisti o scrittori; insegnanti; giornalisti)

I nominativi dei componenti sono resi noti in sede di cerimonia di premiazione.

 

Documentazione per la Giuria

Ogni componente di Giuria riceve la seguente documentazione:

·     Linee Guida e Criteri di Valutazione per i Premi

·     Scheda di votazione, costituita da file excel (unico per tutte le sezioni)

·     File con le opere pervenute (oppure cartelle di documenti per i progetti) su supporto informatico, protocollate e suddivise per Sezione. Le opere pervenute su supporto cartaceo (se è previsto) vengono scannerizzate ed inserite con le altre.

 

Valutazione da parte della Giuria.

La valutazione delle opere in concorso viene effettuata in forma anonima, fatta eccezione per libri editi e tesi di laurea (quando previste apposite sezioni) e progetti.

I componenti di Giuria valutano individualmente tutte le opere assegnate ed attribuiscono punteggio da 1 a 10, sulla base dei seguenti fattori di valutazione:

·     Forma - Competenza linguistica e Correttezza formale (uso corretto della lingua)

·     Contenuto - Originalità del Contenuto e Attinenza al tema (quando previsto)

·     Comunicazione - Capacità di trasmettere emozioni ed Originalità espressiva

Successivamente, la segreteria predispone le graduatorie provvisorie, attribuendo ad ogni opera o progetto un punteggio espresso in decimi (con estensione alla prima cifra decimale) determinato dalla media dei voti espressi dai singoli componenti della Giuria (Somma voti singoli giurati diviso per il loro numero)

 

Riunione collegiale della Giuria

La Giuria si riunisce collegialmente solo in caso di necessità al termine dei lavori. E’ vincolata a rispettare la graduatoria provvisoria. E’ invece tenuta ad esprimersi e ad approfondire la valutazione per l’attribuzione del primo posto in caso di ex-aequo.

Ha inoltre facoltà di attribuire Menzioni della Giuria, qualora il livello qualitativo sia complessivamente molto elevato, ad opere che, pur avendo una valutazione eccellente, non sarebbero premiate.

In ogni caso, non ha poteri speciali, di inclusione o esclusione di opere, rispetto alla valutazione espressa ed alle graduatorie provvisorie.

La Giuria provvede alla redazione delle motivazioni critiche per le prime tre opere classificate di ogni sezione (e successive posizioni in graduatoria, se attribuite).

I lavori di ogni giuria trovano evidenza in appositi Verbali contenente le graduatorie, redatti a garanzia di serietà e trasparenza. Il giudizio delle giurie è inappellabile, fatta salva la trasparenza degli esiti della valutazione.

 

Specificità per la valutazione dei Progetti

Ad ogni Progetto è attribuito un punteggio espresso in 30/30 cosi ripartiti:

·     15/30 in base della valutazione del Comitato Scientifico

·     2/30 in base dei criteri oggettivi relativi all’Ente (dal Modello di Candidatura)

·     8/30 in base dei criteri oggettivi relativi al Progetto (dal Modello di Candidatura)

·     3/30 in base di autovalutazione

·     2/30 in base della qualità della documentazione

L’attribuzione del punteggio relativo al Comitato Scientifico (12/30) è coerente con i criteri applicati per gli altri concorsi. L’attribuzione del restante punteggio (18/30 è disciplinato da specifici Criteri di Valutazione dei Progetti.

 

Criteri di qualità per l’attribuzione dei Premi

Tutti i premi previsti, per essere attribuiti devono soddisfare idonei criteri qualitativi:

·     Primo Premio: punteggio uguale o superiore agli 8/10

·     Secondo e Terzo Premio: punteggio uguale o superiore ai 7,5/10

·     Segnalazioni Merito (Segnalazioni di Buon Esempio per i Progetti) Premi Speciali: punteggio uguale o superiore ai 7/10.

·     Menzioni della Giuria: punteggio uguale o superiore ai 7/10.

La distinzione tra Segnalazione e Menzione si applica nei casi in cui, un numero elevato di opere consegua un punteggio uguale o superiore ai 7/10. I questi casi viene attribuita Segnalazione alle opere con valutazione più elevata e prossima a quella dei primi assoluti.

Nell’attribuzione dei primi premi (fino al terzo compreso) e di eventuali Premi Speciali non sono ammessi ex-aequo.

Qualora più opere di uno stesso concorrente siano valutate con punteggio idoneo ad essere premiate, il premio viene attribuito all’opera con il punteggio più elevato. Qualora più opere risultino nei primissimi posti in graduatoria, viene premiata quella che assicura il miglior piazzamento al concorrente, a prescindere dal punteggio.

 

Trasparenza esiti valutazione e valorizzazione opere premiate

Tutti i concorrenti sono invitati alla cerimonia di premiazione del Premio a cui hanno partecipato, a prescindere dall’esito della valutazione delle loro opere.

Per ogni Concorso è prevista la realizzazione di una apposita Antologia, che costituisce il Catalogo del Premio, con le graduatorie e la riproduzione di tutte le opere premiate (poesie; racconti; fotografie; ecc.) o la loro recensione (tesi; romanzi; sillogi; ecc.).

La versione E-Book è consultabile e scaricabile gratuitamente dal sito dopo la cerimonia di premiazione (http://culturaesocieta.gsvision.it/). Inoltre, per chi desidera la versione cartacea viene prodotta, in un limitato numero di copie, in occasione della premiazione al prezzo di composizione e stampa.

La proprietà artistica resta comunque degli Autori.

La dignità di stampa che viene attribuita alle opere partecipanti ad un concorso, va intesa come un servizio reso agli Autori, per la valorizzazione delle opere premiate e come un atto di trasparenza sugli esiti della valutazione.

In nessun caso vengono pubblicate opere partecipanti ad un concorso che non abbiano avuto una valutazione idonea per essere premiate, né resi pubblici i nominativi dei concorrenti non premiati.

 

Tutela della privacy

Il documento di Privacy Policy del Centro Studi Cultura e Società è disponibile sul sito dell’Associazione http://culturaesocieta.gsvision.it/ nella sezione L’Associazione.

Tale documento recepisce quanto disposto dal Nuovo Regolamento Generale  Europeo sulla protezione dei dati GDPR (General Data Protection  Regulation) Regolamento Ue 2016/679, recepito ed entrato in vigore venerdì 25 maggio 2018.

La partecipazione ad un concorso costituisce implicita autorizzazione al trattamento dei dati personali, in applicazione della normativa vigente. Il Centro Studi Cultura e Società si impegna ad utilizzare i dati richiesti, esclusivamente ai fini del concorso e della propria attività culturale, astenendosi da qualsiasi loro utilizzo a scopo di lucro.

 

Successivamente alla data in cui avviene la premiazione del concorso a cui ha partecipato, il concorrente può richiedere la cancellazione dei suoi dati dal data base. Sino a tale data, il Centro Studi Cultura e Società assicura, per trasparenza, le informazioni inerenti l’iter concorsuale a tutti i concorrenti.

StampaEmail